Passa ai contenuti principali

Il mistero del Satyricon





le informazioni di questo post le trovate in forma più estesa qui: latinovivo.com|petronio


Le ben poche certezze riguardanti il Satyricon possono essere così riassunte:

1)  il cosiddetto Satyricon è un lungo frammento narrativo di un’opera in prosa, con alcuni inserti in versi, di indiscutibile qualità artistica;  
2)  il frammento in nostro possesso corrisponde ad un intero libro dell’opera, il 15°, e ad alcune parti dei libri 14° e 16°; l’estensione complessiva dell’opera doveva perciò essere notevole (paragonabile, secondo alcuni, a quella di “Guerra e pace” di Tolstoj!);
3)  i libri 14° e 16° erano già noti nel IX sec. nei cosiddetti “estratti brevi”, contenenti appunto parti precedenti e seguenti la “Cena di Trimalcione”; alla fine del XIII sec. invece risalgono gli “estratti lunghi”, contenenti parti molto più ampie del prima e del dopo Cena e parti della Cena stessa. Nel 1420 Poggio Bracciolini trova in Inghilterra un codice contenente la Cena, che egli definisce il 15° libro. Nel sec. XVII a Traù, in Dalmazia, vicino a Spalato, viene trovato il cosiddetto codex Traguriensis, e la prima edizione del nuovo Petronio (cioè della “Cena di Trimalcione”) esce a Padova. Si accendono le polemiche sull’autenticità e intanto ad Amsterdam esce la prima edizione completa del Satyricon contenente il testo degli estratti brevi e di quelli lunghi e la Cena. Tutto questo a testimonianza di una tradizione faticosa e difficile, dovuta molto probabilmente alla scabrosità dell’argomento;
4)  l’autore, stando ai codici, è un tal Petronius Arbiter, autore ignoto alla cultura ufficiale (o da essa ignorato) fino al III sec. d.C.
Tutto il resto è incerto.

 Questi i principali problemi intorno ai quali ruota la “questione petroniana”:

1)  Chi è il Petronius Arbiter autore dell’opera? E’ o non è da identificare con l’omonimo cortigiano di Nerone descritto da Tacito in Annales 16. 17 segg.?
2)  Qual è il titolo esatto dell’opera e che cosa significa?
3)  Da quanti libri era composta l’opera nella sua totalità?
4)  Qual è la data di composizione dell’opera (cronologia esterna)? Ed in quale epoca è ambientata (cronologia interna)?
5)  Qual era, almeno a grandi linee, la trama nella quale si inseriva il lungo brano in nostro possesso?
6)  In quale genere letterario si inserisce il Satyricon?
7)  Qual era la destinazione dell’opera? In altri termini, per quale tipo di pubblico essa fu concepita e pubblicata?
8)  Esiste un messaggio all’interno del Satyricon, e se sì, quale? Ovvero: qual è il significato dell’opera?

  1)  L’autore dell’opera:

  La critica è divisa su due posizioni contrapposte: 
https://youtu.be/0YPFLofMvH4

     a.  il Petronius Arbiter autore del Satyricon non è il cortigiano di Nerone; infatti:
    -  nessuna testimonianza antica ammette esplicitamente l’identificazione fra i due personaggi (come d’altra parte nessuna la esclude); inoltre chi parla del Petronio vissuto alla corte di Nerone, come Tacito, non fa il minimo cenno ad una sua attività di letterato;
    -  come si è detto, l’autore viene menzionato solo a partire dal III sec. d.C.; l’opera viene citata, sia pur raramente, a partire dal II sec. d.C.: in precedenza nessuno mostra di conoscere né l’autore né l’opera. Se dunque Petronio fosse il cortigiano di Nerone, coinvolto nella “congiura dei Pisoni” e morto suicida nel 66, vi sarebbe sul suo conto, e sul conto della sua opera, un inspiegabile silenzio di più di un secolo;
    -  la lingua del Satyricon, almeno per quel che riguarda la “cena di Trimalcione”, sembra essere in anticipo di almeno un secolo rispetto a quella dell’età neroniana, a noi nota attaverso molti altri autori;
    -  di conseguenza l’autore del Satyricon sarebbe un geniale sconosciuto vissuto non prima del II sec. d.C.
    b.  il Petronius Arbiter autore del Satyricon è il cortigiano di Nerone; infatti:
    -  non solo il nome è identico (il cortigiano di Nerone si chiamava Titus Gaius Petronius Niger), ma anche il cognomen attribuito all’autore del Satyricon, ovvero quello di Arbiter, coincide sorprendentemente con la funzione di elegantiae arbiter (= “giudice della raffinatezza”, “arbitro dello chic”) assegnata da Tacito al suo personaggio all’interno della corte neroniana;
    -   il fatto che Tacito non alluda ad un’attività letteraria del suo Petronio potrebbe essere spiegato sia con la scarsa pertinenza di questa precisazione ai fini della narrazione storica, sia con la volontà di evitare compromettenti allusioni ad un’opera notoriamente scandalosa (citarla equivarrebbe ad ammettere di averla letta!);
    -   il silenzio delle fonti su Petronio romanziere e sulla sua opera per circa un secolo non è difficile da spiegare, se si pensa appunto all’imbarazzo della cultura ufficiale nei confronti di un’opera così anomala e irriverente, interamente imperniata su un “triangolo” omosessuale e sull’impotenza del protagonista;
    -   l’impasto linguistico di cui si serve Petronio nella “cena di Trimalcione” non corrisponde alla norma espressiva, men che mai scritta, di alcuna epoca in particolare, ma rispecchia il parlato di un ceto sociale ben preciso, quello dei liberti arricchiti con velleità di emancipazione culturale: è dunque uno slang, oltre tutto volutamente caricaturale, a partire dal quale sarebbe scorretto formulare qualsiasi deduzione cronologica;
    -  il ritratto tacitiano (CLICCA QUI per il testo) del raffinato esteta decadente vissuto alla corte di Nerone, e soprattutto il racconto del suo spettacolare suicidio parodico, sono troppo in sintonia con l’esasperata sensibilità estetica e con il gusto della provocazione paradossale propri dell’autore del Satyricon, per pensare che si tratti di un altro Petronio: se così fosse, saremmo di fronte ad un autentico alter ego del cortigiano di Nerone. Tanto vale pensare che si tratti della stessa persona, come il buon senso induce istintivamente a credere.  

2)  Il titolo dell’opera e il suo significato:

Il titolo è attestato nelle seguenti varianti:
a.  Satyricon (genitivo plurale alla greca, Satyrinsottinteso biblìa, ovvero “libri dei Satiri”; cfr. Virgilio, Georgicon libri);
b.  Satyrica (neutro plurale alla greca, Satyrikà, sottinteso biblìa, con lo stesso significato);  
c.  Satirica Saturica (suffisso neutro plurale -i alla greca, ma unito al prefisso latino satir- / satur- con il significato di “libri di satire”);
d.  Saturarum libri (titolo pienamente latino, con lo stesso significato);
e.  Saturae (titolo pienamente latino: “satire”).  
 Ciò che importa notare è che:
-    nei casi a, b l’etimologia viene ricondotta ai Satiri in quanto creature mitiche tradizionalmente collegate con la sfera sessuale, e dunque con allusione al contenutoosceno dell’opera;
-    nei casi c, d, e l’etimologia viene invece ricondotta alla latinissima (e prima ancora etrusca) satura, il ben noto genere letterario caratterizzato da mescolanza di stili e dalla presenza di parti in prosa e parti in poesia, con allusione quindi alla forma dell’opera.
   
  Da notare, però, che con la satira in versi di Ennio, Lucilio, Orazio e Persio (e più tardi di Giovenale) il Satyricon non ha proprio nulla a che vedere: si tratterebbe quindi, in tal caso, della satira menippea, coltivata in Roma da Varrone Reatino e da Seneca. [...]

 3)   Il numero dei libri:
  Una prima risposta, scontata ma sicura, è: non meno di 16.
  Sul totale non si può avere alcuna certezza, ma un’ipotesi affascinante, che vedrebbe nel Satyricon una sorta di riecheggiamento parodico dell’Odissea, potrebbe indurre ad orientarsi sul numero canonico di 24.  

4)  La data di composizione (cronologia esterna) e l’epoca di ambientazione (cronologia interna):

  Nessuna certezza si può avere sulla data di composizione. Se si identifica l’autore con il cortigiano di Nerone, si può affermare per lo meno che essa fu composta anteriormente al 66 d.C., data della morte di Petronio.
  [...]

5)  La trama dell’opera:

  Per la trama del frammento superstite CLICCA QUI. [...]
  

6)  Il genere letterario in cui si inserisce il Satyricon:

  Queste le principali ipotesi avanzate dalla critica e le obiezioni che ad esse sono state mosse:
a.  il Satyricon sarebbe una parodia del “romanzo” greco d’amore e d’avventura, [...]). 
    Obiezioni: il Satyricon non ricalca tutti i tòpoi del romanzo greco (sia pure in chiave parodica); due esempi: la coppia Encolpio-Gìtone appare quasi sempre insieme, mentre nel romanzo greco è di regola separata dal destino e si ricongiunge soltanto alla fine; la struttura narrativa del romanzo greco è del tipo lineare, “a superamento di ostacoli”, mentre quella del Satyricon è labirintica, “a trappole”, in quanto ogni apparente superamento di ostacolo si rivela come una nuova trappola.
    Inoltre il Satyricon, se Petronio è da identificare con il cortigiano di Nerone, è anteriore rispetto a quasi tutti i romanzi greci a noi noti: la maggior parte di essi, infatti, appartiene al II sec. d.C. (seppure siano stati scoperti frammenti di un paio di romanzi di epoca precedente).
    L’ipotesi sarebbe dunque da respingere quanto meno per ragioni cronologiche.

b.  Il Satyricon sarebbe da inserire, come le Metamorfosi di Apuleio, nel genere della fabula Milesia (CLICCA QUI per ulteriori notizie sul genere),[...] Si trattava di “short stories” di contenuto per lo più osceno, agli antipodi del romanzo greco per quanto riguarda la concezione dell’amore e del sesso: qualcosa di molto simile alle novelle del “Decameron” di Boccaccio.
    Dunque si tratterebbe di una ripresa consapevole e “seria” di un genere escluso dalla cultura ufficiale in quanto troppo scandaloso, una sorta di anticipazione di quella che sarà la successiva letteratura “picaresca” (cfr. il “Lazarillo de Tormes”, di autore anonimo).
    Obiezioni: il Satyricon ha un’estensione incommensurabile rispetto alla fabula Milesia; inoltre, [...]]...]

d.  Il Satyricon potrebbe configurarsi come un ardito esperimento letterario che preluderebbe in qualche modo all’Ulyxes di Joyce: si tratterebbe infatti, secondo alcuni critici, di un rifacimento ironico dell’Odissea, [...] 
    In conclusione: allo stato attuale delle nostre conoscenze, il Satyricon non è riconducibile ad alcun genere letterario in particolare; potrebbe tuttavia configurarsi come una geniale e consapevole rielaborazione di diversi generi.  


8)  Esiste nel Satyricon un messaggio? Qual è il significato dell’opera?

     Sono state proposte dalla critica le seguenti ipotesi:
a.  si tratterebbe di una satira della società contemporanea; [...]
b.  il romanzo potrebbe avere, come le Metamorfosi di Apuleio e la “Divina Commedia” di Dante, una duplice chiave di lettura: fruibile anche come semplice e spensierato racconto d’avventure e di sesso da parte di chi non intenda scendere al di sotto della superficie del testo, potrebbe avere un significato allegorico [...]
c.  il significato dell’opera si ridurrebbe tutto ad una gigantesca parodia della vita e della letteratura (di qui le allusioni cólte): una parodia terribilmente ambigua, enigmatica, dalla quale non si ricaverebbe altro messaggio se non quello dell’assoluta insensatezza di tutto ciò per cui l’uomo vive.
d.  si tratterebbe di un puro divertissement letterario: [...].  

Elementi di rilievo

1)  La continua commistione di elementi vitali e di elementi mortiferi (esempi: il finto funerale di Trimalcione durante la cena; il sesso nella tomba ne “La matrona di Efeso”; la prescrizione di mangiare il cadavere di Eumolpo; la stessa impotenza di Encolpio, elemento di morte nel contesto della più elementare affermazione di vitalità maschile): si noti come questa caratteristica si ritrovi anche nella scena del “suicidio gaudente” di Petronio descritta da Tacito; (vedi l'estratto dal Satyricon di Fellini)

2)  il contrasto fra docti indocti, che dal punto di vista pratico vede vincenti i secondi, in quanto in grado di interpretare il linguaggio delle cose che costituiscono “trappole” per gli uomini di cultura;
3)  la polemica col mondo della cultura tradizionale ed in particolare l’affermazione della decadenza dell’eloquenza (cfr. il Dialogus de oratoribus pseudo-tacitiano): il retore Agamennone giudica l’insegnamento impartito nelle scuole di retorica assolutamente inadeguato a preparare i giovani alla vita; quando questi si trovano a contatto con la realtà, hanno l’impressione di essere sbalestrati in un altro pianeta;
4)  l’affermazione della decadenza dell’arte, in particolare della decadenza delle arti figurative a causa della sete di denaro;
5)  la presenza di un breve poemetto sulla presa di Troia, una Troiae halòsis, componimento di moda all’epoca di Nerone: lo stesso Nerone ne aveva scritto uno;
6)  la presenza di un esempio di poema sulla guerra civile, un Bellum civile di impianto tradizionale e in velata polemica con il Bellum civile di Lucano;
7)  l’affermazione sociale dei liberti ignoranti ma ricchi: già sotto Claudio i liberti avevano acquistato molto potere;

8)  la presenza di novelle: tre nella cena di Trimalchione (“Il vetro infrangibile”, “Il lupo mannaro”, “La streghe e il manichino di paglia”); due fabulae Milesiae (“La matrona di Efeso”, “ì






Il fanciullo di Pergamo”).


Commenti

Post popolari in questo blog

Eneide Testo integrale (trad. G. Vitali)

Mappa dell'Eneide


Eneide Libro I

Eneide Libro II
Tu mi comandi, o regina, di rinnovare un inenarrabile dolore. (II, 3)
               Infandum, regina, iubes renovare dolorem.


Non credete al cavallo, o Troiani. Io temo comunque i Greci, anche se recano doni. (II, 48-49)
                Equo ne credite, Teucri.
                Timeo Danaos et dona ferentes.

Da uno capisci come son tutti. (II, 64-65)
                Ab uno disce omnis.

La sola speranza per i vinti è non sperare in alcuna salvezza. (II, 354)
                Una salus victis nullam sperare salutem.

Arma imbelle senza forza. (II, 544)
                Telumque imbelle sine ictu.

Conosco i segni dell'antica fiamma[3]. (IV, 23)
                Adgnosco veteris vestigia flammae.

La fama, andando, diventa più grande, e acquista vigore nell'andare. (IV, 174-175)
                Fama crescit eundo | Viresque acquirit eundo.

Resta immutato nel suo pensiero, e lascia scorrere inutilmente le lacrime. (IV, 449)
                Mens …

Lez.2.1 La vita è davvero breve? (De brevitate vitae I, 1-4)

Maior pars mortalium, Pauline, de naturae malignitate conqueritur,quod in exiguum aevi gignimur,quod haec tam velociter, tam rapide dati nobis temporis spatia decurrant,adeo ut exceptis admodum paucis ceteros in ipso vitae apparatu vita destituat. Nec huic publico,ut opinantur,malo turba tantum et imprudens volgus ingemuit;clarorum quoque virorum hic affectus querellas evocavit.Inde illa maximi medicorum exlamatio est:<>; inde Aristotelis cum rerum natura exigentis minime conveniens sapienti viro lis:<>. Non exiguum temporis habemus,sed multum perdidimus.Satis longa vita in maximarum rerum consummationem large data est,si tota bane collocaretur; sed ubi per luxum ac neglegentiam diffluit, ubi nulli bonae rei inpenditur,ultima demum necessitate cogente,quam ire non intelleximus transisse sentimus. Ita est: non accipimus brevem vitam, sed fecimus, nec inopes eius sed prodigi sumus.Sicut amplae et regiae opes, ubi ad malum dominum pervenerunt, momento dissipantur, at quamvis…

CRONOLOGIA DELLA RIVOLUZIONE RUSSA 1914-1917

28 giugno 1914
A Sarajevo, l'erede al trono asburgico, l'Arciduca FRANCESCO FERDINANDO, venne assassinato da uno studente nazionalista. La Russia voleva evitare un'avanzata austriaca nei Balcani e decise di schierarsi in difesa della Serbia. La guerra segnò' la fine decisiva della dinastia dei ROMANOV. Da tempo (dal 1905) l'impero zarista era attraversato da una grave crisi che nella guerra conobbe il suo atto finale. nell'ottobre del 1917,

1914-1916 Già le prime fasi del conflitto mostrarono l'inadeguatezza dell'esercito russo, che combatteva con ardore, ma con armi scarse e inefficienti . I costi umani che la guerra nel corso dei mesi imponeva alla Russia diventarono ben presto insostenibili. L'esercito russo sacrificò al suo ardore quasi 5 milioni fra morti e feriti. Il coraggio era inutile di fronte alla troppa disorganizzazione. In patria la situazione già critica con la guerra si fece insostenibile. Ben presto cominciarono a mancare alimenti…