sabato 20 maggio 2017

Concetti, date e nomi da sapere

MONDIALIZZAZIONE E SOCIALISMI
·         Quattro fasi della mondializzazione e le crisi del ciclo di Kondratiev (1848 - 1880 - 1829-1973 - 2009)
·         La società di massa (pp.10-30 Emigrazione , produzione, partecipazione, Partiti , II Internazionale socialista: Riformisti, Marxisti e Anarchici)
·         La Rerum Novarum
ETÀ DI GIOLITTI
·         La politica di Giolitti (Alleanze politiche, teoria della neutralità dello Stato, nazionalizzazioni, Libia Educazione e suffragio universale)
LA GRANDE GUERRA
·         Come si è giunti alla Grande Guerra? Cause profonde: Imperialismo, Tensioni internazionali, Crisi interne, il sistema delle Alleanze
·          I principali fatti militari La situazione in Italia: dalla neutralità alla guerra, Una guerra  di nuovo tipo Armi e trincee
·         Ottobre 1917: Caporetto, rivoluzioni in Russia. La fine della Guerra
DAL BIENNIO ROSSO AL FASCISMO (pp.154-172)
·         Affermazione del Fascismo (La condizione dell'Italia tra il 1919 e il 1921, Il mito della vittoria mutilata e il biennio rosso, La fondazione dei Fasci di Combattimento, il fascismo agrario e lo squadrismo, La marcia su Roma .Il doppio binario e la vittoria alle elezioni del 1924
·         La Fascistizzazione del Paese:  Leggi fascistissime,  Patti Lateranensi, un totalitarismo imperfetto La politica economica e il corporativismo (cap. 8.5)
·         La politica estera (cap. 8.6)
RIVOLUZIONE RUSSA
·         Le Rivoluzioni Russe – Le tesi di Aprile – la Pace di Brest-Litovsk
·         Dal Comunismo di guerra alla NEP alla collettivizzazione delle campagne e dell'industria I piani Quinquennali
IL NAZISMO
·         La Germania dal 1929 al 1933 e l’ascesa al potere di Hitler
·         Lo Stato totalitario nazista
LA SECONDA GUERRA MONDIALE
·         Cosa succede subito prima? Guerra civile spagnola, Annessione Austria e Cecoslovacchia, Patto Ribbentrop-Molotov.
·         I principali fatti militari: La presa di Parigi, Bombardamento di Londra, Stalingrado, El Alamein, Dall'entrata in Guerra degli Stati Uniti alla Conferenza di Yalta
·         L’Italia dopo l’8 settembre 1943: l’armistizio e le forze partigiane
L’EQUILIBRIO A DUE: LA GUERRA FREDDA
·         Che cos’è stata la guerra fredda? (Divisione in blocchi, guerre indirette in Corea e Vietnam, decolonizzazione, guerre sfiorate a Cuba, lLa “destalinizzazione” di  Krusciov e repressione di Breznev in Ungheria e Cecoslovacchia)
·         Italia dopo il ’45 (Il governo del CLN e la scelta della Repubblica - Il Piano Marshall e il Boom economico, la scelta del Blocco occidentale)



venerdì 12 maggio 2017

La Guerra Fredda

Con La guerra fredda e l'Età di De Gasperi ci avviamo alla fine del Programma di Storia. Non dimenticate che gli approfondimenti delle ultime lezioni le trovate nel Quaderno 2: L'Italia dalla Dittatura alla Repubblica, che, ormai, è quasi pronto. Riguardo al Quaderno, ricordate che potete trovare buona parte dei documenti citati nella suddetta presentazione e nel setEtà di De Gasperi. 
 questa pagina, raggruppate per sezioni, tutte le presentazioni del programma di storia

E siccome un po' di Ripasso non fa mai male:

Totalitarismi del 900 
http://www.slideshare.net/michelemazzieri/totalitarismi-del-900

---------------------------------------


L'età di Giolitti
http://www.slideshare.net/michelemazzieri/let-di-giolitti

----


La Grande Guerra
http://www.slideshare.net/michelemazzieri/la-grande-guerra-6521028

--------------------------------


La mondializzazione
http://www.slideshare.net/michelemazzieri/mondializzazione

-------------------------------------


La società di massa
http://www.slideshare.net/michelemazzieri/ppt-483-1

-----------------------------------------


1900 L'età dell'Eclettismo
http://www.slideshare.net/michelemazzieri/1900-6533959






Altre cose da sapere
0. Socialismo e altre teorie economiche [vai a]
0. La seconda Rivoluzione Industriale [in costruzione]




Il secondo dopoguerra


7. L'età di de Gasperi [in costruzione]
8. Il Muro di Berlino [in costruzione]
9. Schiavi ieri e oggi




















giovedì 11 maggio 2017

I ribelli della montagna e il santino di Gramsci: l'epopea dei partigiani attravesro le canzoni e la loro riscrittura

Dalle belle città

Autore: Emilio Casalini
Musica: Luciano Rossi [Lanfranco]

E' l'inno della III Brigata garibaldina Liguria. L'autore delle parole è Emilio Casalini "Cini", assieme ai partigiani della Brigata; l'autore della musica- una tra le poche completamente originali - è Luciano Rossi " Lanfranco " che la compose durante i turni di guardia.




I ribelli della Montagna

Tra le versioni moderne, meritano di essere menzionate la versione registrata dai MCR con la Bandabardò nell'album 'Appunti Partigiani' (2005), quella degli Ustmamò per "Materiale resistente"(1995), e quella mai edita dei Ratti della Sabina





Odio gli indifferenti (dal blog amarevignola.wordpress.com)


“Sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti. Antonio Gramsci, Scritti Giovanili.”
La voce anziana di Pinotti Avio, nome di battaglia Atos, introduce con queste parole la canzone “I ribelli della montagna” dei Modena City Ramblers (dall’album “Appunti partigiani” del 2005). Immagino che per molti dei giovani ascoltatori dei MCR questa sia stata la prima (e forse unica) occasione per entrare in contatto con Antonio Gramsci. E, come è successo anche a me, hanno probabilmente riferito erroneamente quella frase di Gramsci al contesto delle lotte partigiane contro i nazi-fascisti. E’ un errore in cui si cade facilmente. Ma Gramsci è morto nel 1937 e quella frase, parte di un articolo di giornale, è del 1917. Gramsci la pronuncia dunque in un contesto diverso e con un intento diverso. Certo, l’articolo del 1917 è un’esortazione forte a prendere posizione, a non essere spettatori passivi della storia. E dunque si adatta particolarmente bene al contesto delle scelte laceranti della Resistenza: da una parte o dall’altra. Ma come sempre ridurre il pensiero complesso ed articolato ad uno slogan è alquanto rischioso.

Antonio Gramsci (1891-1937)
“Odio gli indifferenti. Credo come Federico Hebbel (vedi) che «vivere vuol dire essere partigiani». Non possono esistere i solamente uomini, gli estranei alla città. Chi vive veramente non può non essere cittadino, e parteggiare. Indifferenza è abulia, è parassitismo, è vigliaccheria, non è vita. Perciò odio gli indifferenti.”
L’articolo inizia così. E termina, appunto:
“Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”(qui il testo completo: vedi).
Quando Gramsci scrive questo articolo per La Città futura, numero unico di propaganda della Federazione giovanile socialista piemontese, uscito l’11 febbraio 1917, ha 26 anni. E’ iscritto al Partito Socialista dal 1913 e contesta duramente la linea “riformista”. Lui è per la lotta di classe, per la rivoluzione. [...] Capovolgendo il punto di vista usuale Gramsci evidenzia il ruolo che l’indifferenza ha nella storia:

Antonio Gramsci (1891-1937).
“Ciò che succede (…) non è tutto dovuto all’iniziativa dei pochi che fanno, quanto all’indifferenza, all’assenteismo dei molti”. Non dunque solo “minoranze attive”, ma anche “maggioranze silenziose” o, meglio, passive. La storia è spiegata dall’operare di entrambe i gruppi sociali, ma in modo, per così dire, asimmetrico. Infatti per le maggioranze passive questa storia non è intellegibile. Ma per loro vale comunque la responsabilità, anche se non sono consapevoli della parte che hanno esercitato, quella appunto di passivi spettatori, di “assenteisti”.
Non sempre le cose ci appaiono come sono veramente
"Non siamo entusiastici ammiratori del diritto del pugno; eppure quei pugni vibrati robustamente sul ceffo di Bevione ci riempiono di giubilo e di ammirazione. Un pugno non è certo un ragionamento; ma è l’unica risposta che si può contrapporre ai «ragionamenti» di Bevione. (…) Ed un cazzotto, un umilissimo facchinesco cazzotto ne è stato il mezzo più efficace. Pertanto elogiamo il cazzotto. (…) Pertanto plaudiamo ai cazzotti, e auguriamoci che essi diventino un programma per liquidare i corrispondenti speciali, i pennaioli asserviti alla greppia.”
Potrebbero essere frasi di Benito Mussolini, ma non è così. A parlare, invece, è Antonio Gramsci (che pure il fascino di Mussolini l’aveva subito quando questi era direttore dell’Avanti!), in un articolo del 12 giugno 1916. Ma il 17 maggio 1916 aveva scritto: “Da qualche settimana mi alzo dal letto con una carducciana voglia di fare a pugni con qualcuno”. Qualche anno dopo, a chi lo invitava ad evitare attacchi giornalistici volgari contro i suoi bersagli, Gramsci risponde: “Per noi sono volgari le azioni in sé, non le parole. Per noi chiamare uno «porco» se è un porco, non è volgarità, è proprietà di linguaggio” (I criteri della volgarità, in “Il grido del popolo”, 23 marzo 1918). “Odio gli indifferenti”. Odio. Non è un’espressione che noi oggi usiamo pubblicamente con facilità. E’ un’espressione dura. Oggi diremmo: politicamente scorretta. Ma negli articoli di giornale scritti da Gramsci espressioni di violenza verbale non sono infrequenti. Punteggiano, anzi, le occasioni di polemica più dura, come abbiamo visto. 

Palmiro Togliatti (1893-1964) primo 
“editore” di Antonio Gramsci. 
Ma anche manipolatore della realtà per fini politici.
come quando, nel dopoguerra scriveva che
Gramsci era morto in carcere
in realtà dal 1934 era agli arresti domiciliari
La violenza (quella “di classe”) era presente nella società (l’insurrezione degli operai a Torino nell’agosto 1917, originata dalla scarsità di pane a causa della guerra, finisce con oltre 500 caduti tra gli operai), ma era anche ritenuta indispensabile per fare la rivoluzione. Di entrambi gli aspetti Gramsci è pienamente consapevole. Tra la violenza dei “socialisti rivoluzionari” e la violenza dei borghesi esiste però, per Gramsci, una diversità: la violenza borghese è illimitata e continua, perché violenza di pochi contro i molti; la violenza socialista è “violenza transitoria” (Bolscevichi e antibolscevichi, in “Avanti!”, 16 novembre 1919). Abbiamo visto, poi, che le cose sono andate diversamente. In ogni caso la violenza è ritenuta necessaria. Volendo promuovere la rivoluzione – “l’urto violento delle due classi e l’affermazione della dittatura proletaria” (Lo sviluppo della rivoluzione, in “L’Ordine Nuovo”, 13 settembre 1919) – Gramsci è convinto sia “necessario incrudire il distacco delle classi” (I rivoluzionari e le elezioni, in “L’Ordine nuovo”, 15 novembre 1919). Anche per questo si contrappone alla corrente “riformista” del socialismo italiano, la cui azione tende a sfumare la separazione delle classi e l’identità delle due parti in lotta. 
E’ certo questo anche il riflesso di quanto avviene in Russia nel 1917 (di cui Gramsci fu sin dall’inizio attento osservatore, riconoscendosi nelle posizioni di Vladimir Il’ič Ul’janov, detto Lenin). Ma l’opzione abbracciata da Gramsci, anche in quel drammatico dopoguerra, non è di certo l’unica possibile – pensarlo sarebbe un errore grossolano.

Antonio Gramsci è una delle figure intellettuali e politiche più importanti nella storia italiana del XX secolo. E come tale merita di essere conosciuto. Partecipa da acuto osservatore e da militante al passaggio dall’Italia liberale di Giolitti a quella fascista di Mussolini, con in mezzo la grande guerra. Guarda oltre confine alla rivoluzione Russa e partecipa all’organizzazione di un movimento comunista internazionale. I suoi testi giornalistici ci restituiscono uno spaccato dell’Italia a cavallo della prima guerra mondiale: egli ne coglie lucidamente tutti i caratteri di arretratezza. 
[...] Insomma, limitarsi a citare la frase “odio gli indifferenti” in forma più o meno estesa non è rendere un buon servizio a Gramsci. Ne fa impropriamente un “santino” della Resistenza, un “idolo”. Ma non aiuta a capire la complessità del suo pensiero e la drammaticità dell’epoca in cui è vissuto. E dunque non aiuta a comprendere ed a vivere meglio la nostra epoca.

martedì 9 maggio 2017

Il Ritorno di Rutilio Namanziano

« O Roma, nessuno, finché vive, potrà dimenticarti...hai riunito popoli diversi in una sola patria, la tua conquista ha giovato a chi viveva senza leggi. Offrendo ai vinti il retaggio della tua civiltà, di tutto il mondo diviso hai fatto un'unica città »


Il poema inizia con il viaggio di Rutilio da Roma, di cui descrive la decadenza non solo morale, specialmente per quanto riguarda la politica imperiale e senatoria, ma anche del popolo. Da una parte l'imperatore sembra vivere una esistenza a parte dalla vita pubblica, mentre i senatori sono dediti a gozzoviglie e arricchimento. Il popolo romano è profondamente provato dagli influssi migratori del nord Europa, specialmente i Goti, che hanno sempre fatto più pressione su Roma dalla invasione di Alarico. Tale sfregio a Roma, come descrive Rutilio, fa apparire il clima molto vicino a una catastrofe imminente, mentre le strade e gli edifici pubblici non sono più sicuri. Alla descrizione della decadenza, si oppongono ricordi appassionati e lontani della grandezza dell'Urbe.
Il viaggio si sposta nella periferia romana, verso la Tuscia, dove Rutilio è costretto a partire a causa dell'inagibilità delle strade e dei ponti, specialmente riguardo al degrado della via Appia. Il viaggio dunque prosegue per mare, con approdo vicino alle coste dell'Etruria, fino in Liguria. Da lì il viaggio si conclude con l'arrivo in Gallia, superate le Alpi.