Passa ai contenuti principali

deReditu

da http://www.lankelot.eu. Il taglio dato alla lettura dell’opera è discutibile. “De reditu suo” non è il libro di viaggio di un politico che, nell’ombra, si dedica a tessere le fila di un colpo di stato: è il commovente canto di dolore di un uomo che torna nella sua terra, allontanandosi, forse per sempre, dall’Eterna che l’aveva adottato e onorato. Non c’è traccia d’altro che non sia malinconia, nostalgia, avvilente contemplazione delle rovine e memoria della passata grandezza. Tuttavia, considerando l’onestà intellettuale di Ricci e Bondì, che hanno voluto il film fosse “liberamente ispirato” e non “tratto da” De reditu suo, possiamo limitarci a prendere atto della convenzionale scelta di sceneggiatura: si pensi al “Gladiatore”, film nel quale l’eroe combatte per ripristinare gli antichi valori romani, ma perisce a causa di un tradimento, prima di riuscire nella folle impresa. Interessante l’idea di far esprimere servi e marinai in una lingua inesistente: tra loro, questi ultimi sembrano adottare un pastiche “slavizzante”. Senza dubbio l’espediente serve a trasmettere, da un lato, l’incomunicabilità tra “il mondo di Rutilio” e l’alterità; dall’altro, però, si fatica a immaginare che all’epoca esistesse una koinè non latina così stravagante.
Se l’espediente voleva avere valenza simbolica, esso risulta indovinato: se voleva essere fedele all’epoca, non sembra accettabile. La scelta dell’epilogo da dare alla vicenda non sembra probabile, per ragioni filologiche più che “simboliche”: si verifica un cortocircuito con la tradizione del testo. Si può avallare l’opzione soltanto rispettando la sua significativa carica allegorica. Memorabile il cammeo del triestino Herlitzka. Un’interpretazione superba e commovente.

Sembra che nella versione inglese il film verrà doppiato da attori shakesperiani. È paradossale pensare che “De Reditu”, che doveva essere girato in latino, possa diventare un paradigma della decadenza del sistema per le culture anglosassoni e non per i neolatini italioti: è quel che accadrà.

Tam prope Romanis, tam procul esse Getis









Commenti

Post popolari in questo blog

Eneide Testo integrale (trad. G. Vitali)

Mappa dell'Eneide


Eneide Libro I

Eneide Libro II
Tu mi comandi, o regina, di rinnovare un inenarrabile dolore. (II, 3)
               Infandum, regina, iubes renovare dolorem.


Non credete al cavallo, o Troiani. Io temo comunque i Greci, anche se recano doni. (II, 48-49)
                Equo ne credite, Teucri.
                Timeo Danaos et dona ferentes.

Da uno capisci come son tutti. (II, 64-65)
                Ab uno disce omnis.

La sola speranza per i vinti è non sperare in alcuna salvezza. (II, 354)
                Una salus victis nullam sperare salutem.

Arma imbelle senza forza. (II, 544)
                Telumque imbelle sine ictu.

Conosco i segni dell'antica fiamma[3]. (IV, 23)
                Adgnosco veteris vestigia flammae.

La fama, andando, diventa più grande, e acquista vigore nell'andare. (IV, 174-175)
                Fama crescit eundo | Viresque acquirit eundo.

Resta immutato nel suo pensiero, e lascia scorrere inutilmente le lacrime. (IV, 449)
                Mens …

Lez.2.1 La vita è davvero breve? (De brevitate vitae I, 1-4)

Maior pars mortalium, Pauline, de naturae malignitate conqueritur,quod in exiguum aevi gignimur,quod haec tam velociter, tam rapide dati nobis temporis spatia decurrant,adeo ut exceptis admodum paucis ceteros in ipso vitae apparatu vita destituat. Nec huic publico,ut opinantur,malo turba tantum et imprudens volgus ingemuit;clarorum quoque virorum hic affectus querellas evocavit.Inde illa maximi medicorum exlamatio est:<>; inde Aristotelis cum rerum natura exigentis minime conveniens sapienti viro lis:<>. Non exiguum temporis habemus,sed multum perdidimus.Satis longa vita in maximarum rerum consummationem large data est,si tota bane collocaretur; sed ubi per luxum ac neglegentiam diffluit, ubi nulli bonae rei inpenditur,ultima demum necessitate cogente,quam ire non intelleximus transisse sentimus. Ita est: non accipimus brevem vitam, sed fecimus, nec inopes eius sed prodigi sumus.Sicut amplae et regiae opes, ubi ad malum dominum pervenerunt, momento dissipantur, at quamvis…

CRONOLOGIA DELLA RIVOLUZIONE RUSSA 1914-1917

28 giugno 1914
A Sarajevo, l'erede al trono asburgico, l'Arciduca FRANCESCO FERDINANDO, venne assassinato da uno studente nazionalista. La Russia voleva evitare un'avanzata austriaca nei Balcani e decise di schierarsi in difesa della Serbia. La guerra segnò' la fine decisiva della dinastia dei ROMANOV. Da tempo (dal 1905) l'impero zarista era attraversato da una grave crisi che nella guerra conobbe il suo atto finale. nell'ottobre del 1917,

1914-1916 Già le prime fasi del conflitto mostrarono l'inadeguatezza dell'esercito russo, che combatteva con ardore, ma con armi scarse e inefficienti . I costi umani che la guerra nel corso dei mesi imponeva alla Russia diventarono ben presto insostenibili. L'esercito russo sacrificò al suo ardore quasi 5 milioni fra morti e feriti. Il coraggio era inutile di fronte alla troppa disorganizzazione. In patria la situazione già critica con la guerra si fece insostenibile. Ben presto cominciarono a mancare alimenti…